Most, una nuova esperienza per Mahias e Montella

Il Kawasaki Puccetti Racing è in viaggio verso la Repubblica Ceca, e più precisamente verso l’Autodromo di Most, dove questo fine settimana si disputeranno il sesto round del WorldSBK e del WorldSSP.

Meno di due settimana fa la squadra di Manuel Puccetti è stata impegnata a Donington Park in Inghilterra, in un round per alcuni aspetti positivo e per altri meno. In Superbike abbiamo assistito al ritorno di Lucas Mahias, che non saliva sulla sua Ninja dal 22 maggio, quando all’Estoril in Portogallo era caduto, procurandosi la frattura del quinto metacarpo della mano destra. Nonostante la lunga assenza il pilota francese ha ritrovato subito un buon feeling con la sua moto, piazzandosi in zona punti in entrambe le gare lunghe.

In Supersport Can Oncu è stato purtroppo ostacolato da un problema alle braccia (air pump) che ha compromesso il finale delle sue gare, nelle quali era stato costantemente nel gruppo di testa. Il turco ha tagliato il traguardo al quinto posto in Gara1 ed all’ottavo in Gara2. Alti e bassi anche per Yari Montella che dopo aver terminato la gara del sabato a meno di due decimi dalla terza posizione, in quella della domenica è stato colpito dalla moto di un altro pilota ed ha dovuto concludere il suo weekend nella sabbia della via di fuga.

I tre piloti del Kawasaki Puccetti Racing affrontano questo appuntamento di Most con obiettivi diversi, ma animati dalla stessa voglia di far bene e di continuare a progredire.

Mentre Can Oncu ha già corso lo scorso anno sul tracciato della Repubblica Ceca, sia per Lucas Mahias che per Yari Montella questa sarà la prima volta su questo tracciato e quindi per entrambi si tratterà di sfruttare i primi turni di prove libere per adattare il proprio stile di guida a questa nuova pista.

L’Autodromo di Most si trova a pochi chilometri dalla città omonima ed è nel nord della Repubblica Ceca, a circa 80 chilometri dalla capitale Praga. E’ stato realizzato per sostituire i pericolosi circuiti cittadini, dove si è corso sino agli inizi degli anni 80. La sua costruzione è iniziata nel 1982 ed è stato poi inaugurato nel 1983. In seguito è stato oggetto di varie modifiche e completamente riasfaltato nel 2008. L’accordo con la Dorna è stato firmato nell’inverno del 2020, ed è della durata di cinque anni, per cui per i mondiali delle derivate dalla serie quello di Most diventerà un appuntamento fisso sino al 2025.

Questa è la programmazione delle prove e delle gare del quinto round del WorldSSP sulle televisioni italiane:

Sky Sport

Venerdì 29 luglio

Ore 10.30: FP1 Superbike

Ore 11.25: FP1 Supersport

Ore 15.00: FP2 Superbike

Ore 16.00: FP2 Supersport


Sabato 30 luglio

Ore 10.25: Superpole Supersport

Ore 11.10: Superpole Superbike

Ore 14,00: Gara 1 Superbike

Ore 15.15: Gara 1 Supersport

Domenica 31 luglio

Ore 11.00: Superpole Race Superbike

Ore 12.30: Gara 2 Supersport

Ore 14.00: Gara 2 Superbike

TV8

Sabato 30 luglio

Ore 14: Gara 1 Superbike

Domenica 31 luglio

Ore 13.00: Superpole Race Superbike

Ore 14.00: Gara 2 Superbike

Attraverso questo link potete consultare il programma del round della Repubblica Ceca:

https://www.worldsbk.com/en/event/CZE/2022

Lucas Mahias: “Mi aspetta un fine settimana che potrebbe essere difficile a causa del fatto che non ho mai corso su questa pista. Dovrò lavorare bene sin dalle prime prove libere del venerdì per imparare il tracciato e poter quindi sfruttare tutto il potenziale della mia Ninja, ma sono fiducioso perché sono molto più in forma fisicamente rispetto a Donington e perché so che potrò contare sull’aiuto della mia squadra”.

Can Oncu: “In queste due settimane mi sono allenato molto e spero che le braccia mi facciano meno male rispetto alle gare di Donington. Lo scorso anno, alla mia prima esperienza su questo tracciato, mi sono piazzato in ottave e nona posizione, ma questa volta voglio lottare per il podio. La mia moto è competitiva, così come la mia squadra e quindi ritengo sia un risultato raggiungibile”.

Yari Montella: “Siamo in netta e continua crescita, e lo abbiamo dimostrato anche a Donington, dove siamo arrivati ad un soffio da quello che sarebbe stato il mio primo podio nel WorldSSP. Andiamo a Most convinti di poter continuare su questa strada, cercando una messa a punto che ci renda ancora più competitivi. Non conosco la pista, ma so che il team lo scorso anno ha raccolto dei dati che mi potranno aiutare. Sono fiducioso e non vedo l’ora di salire in moto”. 

Condividi articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email